Sab. Ago 15th, 2020

Giunti (Forza Italia Sansepolcro) “La Valtiberina deve ritornare ad avere il proprio distretto socio sanitario”

“E da un pò che non si parla più del problema del nostro distretto socio sanitario che da unico per la Valtiberina, dal 01 Gennaio 2018 e’ stato unito a quello aretino e casentinese per la Legge Regionale 11/2017 che ne ha ridefinito gli ambiti territoriali . La Zona Aretina Casentino Valtiberina
comprende i comuni di: Anghiari, Arezzo, Badia Tedalda, Bibbiena, Capolona, Caprese Michelangelo, Castel Focognano, Castel S.Niccolò, Castiglion Fibocchi, Chiusi della Verna, Chitignano, Civitella della Chiana, Montemignaio, Monterchi, Monte San Savino, Ortignano Raggiolo, Pieve S. Stefano, Pratovecchio Stia, Poppi, Sansepolcro, Sestino, Subbiano, Talla. Una moltitudine di comuni.
Ad oggi tutti possono constatare che quelli che erano gli intenti della regione e cioè: che La zona-distretto è l’ambito territoriale ottimale per valutare i bisogni sanitari e sociali delle comunità e per organizzare ed erogare i servizi delle reti territoriali sanitarie, socio-sanitarie e sociali integrate , sono andate deluse.
I cittadini sono martoriati da una burocrazia fatta di appuntamenti, code, certificazioni, servizi allontanati dalla Valtiberina, tempi lunghissimi e ritardi. Il personale deve prestare servizio in un territorio più vasto, con tutte le problematiche che sono venute fuori.
I fondi per il sociale sono praticamente gestiti , così pure le decisioni a livello di distretto, da quei comuni che hanno il maggior numero di popolazione: Arezzo .
Quindi a conti fatti la Regione deve fare un Mea Culpa e tornare sui suoi passi, lo chiede a gran voce la popolazione della Valtiberina Toscana e restituire ciò che era nostro” .

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: