Sab. Ago 15th, 2020

Umbertide cambia “5G, un tema aperto da affrontare”

La tecnologia avanza in modo velocissimo e impensabile; in particolare la telefonia mobile di “quinta generazione” o 5G, il cui dispiegamento in Europa è avvenuto in base al piano di azione CE n.2016/588. Si tratta di governare questa nuova tecnologia che rientra anche nell’ambito dei campi elettromagnetici e coinvolge le aree urbane e tutti i cittadini. Dunque, anche Umbertide.

Per tale ragione, come opposizioni – Umbertide cambia, M5S e Pd – in Consiglio comunale abbiamo presentato una mozione sulla regolamentazione del 5G, chiedendo un nuovo Piano riguardante l’installazione delle infrastrutture della telefonia mobile, 5G e radiofrequenze, così come previsto dalla legge 36/2001, correlato ad un parallelo Regolamento comunale al fine di assicurare, da parte dell’Amministrazione comunale, il corretto insediamento urbanistico e territoriale degli impianti 5G sul proprio territorio e minimizzare l’esposizione della popolazione ai campi elettromagnetici.

Del resto, già un comitato promotore locale ha raccolto oltre 300 firme di richiesta sulla sospensione dell’installazione del 5G, per cui si tratta di dare una risposta, partendo dal vecchio Piano delle installazioni telefoniche. Dato che il tema è fondamentale per molti risvolti (scientifici, salute, tecnologia), affrontato peraltro anche nel Decreto semplificazione di prossima pubblicazione, abbiamo chiesto anche un Tavolo di concertazione di tutti i soggetti portatori di interesse, dai comitati ai singoli cittadini e ai gestori.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: