Gio. Lug 9th, 2020

Edarco: no a riduzione del  canone, interrogazione di Lignani (FD’I)


“Si azzeri e si rinegozi la convenzione con EDARCO per la gestione dei parcheggi a pagamento”: lo chiedono i consiglieri comunali di Fratelli d’Italia, Andrea Lignani Marchesani, e di Forza Italia, Cesare Sassolini in un’interrogazione, che Lignani ha presentato al consiglio comunale di Città di Castello di lunedì 22 giugno 2020. “Gli ausiliari del traffico hanno ricominciato a controllare le strisce blu; sarebbe stato opportuno informare preventivamente la cittadinanza giacché durante il lock down c’e’ stata una tacita gratuità dettata dall’emergenza Covid. Contemporaneamente il comune ha annunciato una modifica della Convenzione con EDARCO che in cambio della gratuità dei parcheggi, oggi quasi completamente inutilizzati, dello spazio interrato del Centro Le Fonti il canone di concessione passerebbe da 56000 a 20000 euro. Il tutto con la giustificazione del futuro assetto viario legato alla costruzione di Piazza Burri. Comprendiamo le esigenze di EDARCO di liberarsi del pezzo di convenzione fallimentare ma è doveroso comprendere le esigenze del Comune che non può rinunciare senza alcun immediato beneficio a 30000 euro con il possibile rischio di un’indagine della magistratura contabile.

Proponiamo – un accordo reciproco sul termine anticipato della Convenzione con una rinegoziazione che possa essere di soddisfazione per società EDARCO, Comune e cittadini utenti. Nella nuova stesura si dovrà tener conto anche delle percentuali dei proventi su sanzioni e prezzo della sosta, oltre ovviamente a uno studio del futuro assetto viario e dei nuovi spazi di parcheggio alla luce della Piazza Burri”. Nella replica l’assessore ai Lavori Pubblici Luca Secondi ha in primo luogo annunciato un nuovo passaggio in commissione della convenzione modificata. “Le esigenze del Comune dal PUMS che sposta gli assetti della viabilità e della mobilità dolce. In questo senso c’è anche la riqualificazione dell’area Coop che rispetto al parcheggio dell’Ansa del Tevere ha un’asimmetria, essendo a pagamento.

La Giunta ha approvato in giunta una pista ciclopedonale che va da est ad ovest del capoluogo, per 75mila euro, con interventi importanti per la disabilità. Stiamo provando a rivitalizzare la zona. Quanto alla convenzione, nel tempo gli stalli sono aumentati e il calcolo del canone è stato obiettivo. In questo senso meglio una risposta concreta anziché rischiare contenziosi con una revoca unilaterale. Non c’è nulla che stabilisca che i parcheggi per disabili siano gratuiti, è una prassi che Edarco rispetta ma in caso di revoca tutto tornerebbe sul piatto. La convenzione rivisitata avverrà nel 2021 con una nuova firma del contratto”. Nella replica Lignani si è detto “non soddisfatto. E’ rimasto sulle sue posizioni.

Non credo che in questi anni Edarco abbia fatto l’arte per rimettere e d’altronde nessuno pagava il biglietto nel parcheggio che verrà ceduto per la sosta gratuita. Solo per adempimenti a regime Piazza Burri non prima del 2023-2024. Io vedo la convenzione come un favore che si vuole fare a qualcuno, non a cittadini tifernati”.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: