Sab. Giu 6th, 2020

Fase 2 sport: l’Assessore Massetti plaude alla riapertura a porte chiuse, da lunedì 25 maggio, degli ippodromi e auspica ritorno alla normalità

Fase2 anche per l’ippica: da lunedi 25 maggio riaprono, rigorosamente a porte chiuse, gli ippodromi in Italia anche quelli limitrofi alle regIoni confinanti il comprensorio altotiberino. Una buona notizia salutata con soddisfazione a Città di Castello, a pieno titolo per numeri e tradizioni, riconosciuta come la città del cavallo che può vantare tanti appassionati e sportivi legati alla pratica equestre e al panorama allevatoriale.”Con le dovute precauzioni imposte dai ministeri competenti anche l’ippica torna in pista. Un primo segnale importante di ripartenza per tornare a mettere in campo appena possibile progetti comuni di promozione come quelli ormai ultradecennali con l’ippodromo di Cesena e con la Hippogroup la società che gestisce anche gli ippodromi di Bologna per il trotto e Capannelle per il galoppo, luoghi cari ai tifernati e teatri di numerose iniziative in passato”, è quanto precisato dall’assessore allo sport Massimo Massetti, appena appresa la notizia dello sblocco seppur parziale dello stop alle corse negli ipppodromi nazionali, comunicata ieri via facebook dal sottosegretario al Mipaaf con delega all’ippica, on. Giuseppe L’Abbate. Massetti sottolinea come la riapertura in sicurezza degli ippodromi rimetterà in circoloi n maniera virtuosa la filiera produttiva di tutte le componenti allevatoriali, imprenditoriali, sanitarie, sportive che indirettamente riguardano anche l’altotevere e Città di Castello. Pur non disponendo di un ippodromo l’Umbria può vantare a livello ippico ed equestre la presenza di allevamenti di qualità internazionale come la razza Ascagnano, scuderie di prim’ordine, centri equestri, aziende legate al settore, praticanti a livello amatoriale e professionistico di assoluto rilievo. “In particolare la tradizione umbra dell’allevamento – sottolinea ancora Massetti – con aziende agricole che vivono con l’indotto e direttamente attraverso l’allevamento di cavalli da corsa, in base a statistiche del passato, presenta circa 800 cavalli allevati attorno ai quali ruotano 300 dipendenti, ben 40 aziende, che vanno dalla rivendita di mangime agli articoli per equitazione, fino al trasporto dei cavalli e ai veterinari”. Massetti infine nell’auspicare di tornare a celebrare la prossima estate all’ippodromo Savio di Cesena, la tradizionale serata di corse al trotto dedicata al comune e alla mostra nazionale del cavallo grazie alla amicizia e disponibilità dei respponsabili della società Hippogroup, in primo luogo del Presidente, Umberto Massimo Antoniacci e il direttore generale, Marco Rondoni, formula i più sentiti auguri di ripartenza a tutto il settore ippico ed anche equestre rivolgendosi alla tifernate, Mirella Bianconi Ponti, Presidente Regionale Fise, “da sempre in prima linea con competenza e professionalità nel promuovere lo sport, i cavalli e il territorio”.
COMUNILINEA/2020/22/MG/205/GGAL

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: