Gio. Feb 27th, 2020

Giornata della Memoria, il sindaco Carizia ad Assisi per il conferimento della Medaglia d’Onore all’umbertidese Amedeo Faloci

Il sindaco di Umbertide, Luca Carizia, nella mattinata di lunedì 27 gennaio in occasione della Giornata della Memoria (istituita dal Parlamento italiano il 20 luglio 2000 per commemorare le vittime dell’Olocausto nel giorno dell’abbattimento dei cancelli del campo di Auschwitz) ha partecipato ad Assisi alla cerimonia di consegna da parte del prefetto di Perugia, Claudio Sgaraglia, della Medaglia d’Onore conferita dal Presidente della Repubblica all’umbertidese Amedeo Faloci e ad altri quattro cittadini residenti nella Provincia di Perugia deportati o internati nei lager nazisti e destinati al lavoro coatto per l’economia di guerra durante l’ultimo conflitto mondiale.
Amedeo Faloci, nato nel 1927 a Montone, aveva 17 anni quando i tedeschi lo catturarono, strappandolo alla sua famiglia. Venne imprigionato e prima venne deportato a Kahla, in Germania, e in seguito fu mandato al campo di lavoro di Rosemberger. Insieme ad altri era addetto alla costruzione di gallerie dove i nazisti custodivano gli aerei. In uno di questi tunnel, Faloci ha scritto il suo nome nel cemento fresco. La sua prigionia durò circa un anno: fu deportato nel maggio del 1944 e fece rientro a casa nel giugno del 1945. Faloci, oggi ultranovantenne vive a Umbertide.
La cerimonia, che ha avuto luogo all’interno del Museo della Memoria, ha visto la presenza anche della presidente della Regione Umbria, Donatella Tesei, del presidente dell’Assemblea legislativa dell’Umbria, Marco Squarta, del sindaco di Assisi, Stefania Proietti, del vescovo di Assisi-Nocera Umbra-Gualdo Tadino, monsignor Domenico Sorrentino e di altre autorità civili e militari.
L’onorificenza è stata consegnata nelle mani di Silvia Martini, nipote di Amedeo Faloci e presente all’evento insieme ad altri familiari.
“Giornate come quella del 27 Gennaio hanno il dovere di farci ricordare il passato, di farci vivere il presente e di proiettarci verso il futuro – afferma il sindaco Carizia – Il sacrificio e la sofferenza di chi visse sulla propria pelle la ferocia dell’Olocasuto e della prigionia nei campi nazisti servono a tutti noi per non far ripetere una delle pagine più buie della storia dell’umanità”.
Sempre per quanto riguarda le celebrazioni legate alla Giornata della Memoria, domenica pomeriggio, presso il salone del Centro socio-culturale San Francesco, si è svolto un partecipato evento, al quale ha preso parte l’assessore alla Cultura Sara Pierucci, che ha visto alternarsi momenti di lettura a cura del gruppo “Dallo scaffale a te” e intermezzi musicali eseguiti da Fabrizio Bagiacchi e Salvatore Zampini.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Vai alla barra degli strumenti