Dom. Nov 17th, 2019

Valtiberina: il Day after delle regionali in Umbria, spalanca le porte a “Italia Viva”?. Il Partito di Renzi piace, in molti pronti a salire sul carro dell’ex premier e Sindaco di Firenze

Italia Viva inizia ad attirare l’attenzione di molti politici locali che vedono nel partito di Matteo Renzi, un possibile porto di approdo, magari in un futuro non troppo lontano, quando lo stesso movimento dell’ex premier inizierà a radicarsi nel territorio. A farne le spese, nel breve, potrebbero essere gli scontenti del PD (tanti oramai) e alcuni forzisti che non si riconoscono più nel partito di Berlusconi, ma non solo. A Sansepolcro, ad esempio, le molte liste civiche che in questi anni si sono succedute nelle varie tornate elettorali, potrebbero (finalmente diciamo noi) sdoganarsi e confluire in Italia Viva che nasce, in parte, dalle ceneri dello stesso PSI (e civico in molti casi nella città di Piero vuol dire socialista). San Giustino può apparire (ma di fatto non lo è) un isola felice per il PD, visti i numeri delle ultime amministrative, ma è storia nota che, all’interno dei DEM, ci sia da anni un conflitto di vaste proporzioni molti iscritti, soprattutto giovani, cercano una nuova collocazione ammirano la Lega, ma non la votano (alle comunali) per questo Italia Viva, potrebbe rivelarsi una opportunità concreta. Per non parlare dei socialisti, partito radicato nella piccola realtà sangiustinese, ma con numeri al momento irrilevanti. Per Città di Castello, si sa, la partita è aperta. La sconfitta alle regionali cambierà, in breve tempo, gli equilibri politici della città. Il PSI sarà costretto a scegliere, e non è per nulla scontato che la “santa” alleanza con il PD, sia un dogma da cui non si possa prescindere. Le differenze ci sono, anche marcate, per questo si dovrà gioco forza iniziare a capire con chi allearsi, quale candidato scegliere per il prossimo giro e soprattutto, in che modo terminare la consiliatura. Dalle segrete stanze filtrano colloqui costanti con alcuni esponenti storici della destra, addirittura della lega, vedremo se questo porterà ad un clamoroso accordo. Parentesi a parte merita il movimento Cinque Stelle. I penta stellati lo hanno capito, se corrono da soli ci sono scarse possibilità di vittoria, se si alleano con i partiti tradizionali perdono il consenso della base, di fatto si parla di empasse, di problemi difficili da superare, soprattutto se si vuole essere forza di Governo, dove gioco forza alcune decisioni, anche impopolari vanno prese, E se anche per alcuni di loro Italia Viva diventasse un opportunità concreta per continuare a far politica?. Non crediamo ci vogliano mesi, per capire quanti margini di crescita abbia il neo partito renziano, ma nei fatti l’elettore, mai come in questi anni si è mostrato volubile, i grandi blocchi non esistono più, si vota in base al carisma del leader di turno, questo può sembrare un contro senso, ma in realtà  è la politica 4.0. Il voto, in gran parte, lo decidono i social manager, capaci di attrarre consenso attraverso post coinvolgenti e molto efficaci. E su questo, si sa, Salvini e Renzi sono maestri.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Vai alla barra degli strumenti