Annunci
Sab. Gen 18th, 2020

Alla biblioteca comunale dibattito su salute e territorio link up, il progetto sulle nuove dipendenze, a confronto con i cittadini. Presenti gli assessori della zona sociale 1 e Paola Conti, progettista di Link up

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Giovedì 13 giugno, la meravigliosa sala della Biblioteca Comunale di Città di Castello è piena di persone, il clima è familiare e sorridente, gli interventi si susseguono con la volontà di dare un contributo perché tutte le proposte e i punti di vista possano emergere in modo positivo e collaborativo, nel corso dell’evento “Con gli occhi della gente. Salute e territorio”

Il progetto “di rilevanza locale” Link up di cui si presentavano i risultati, è riuscito a connettere in modo attivo i tredici partner istituzionali1, ma soprattutto ha visto la partecipazione di oltre 100 donne e uomini del territorio e di numerosi professionisti dei servizi sociali e sanitari. I progetti pilota rivolti alle persone che sono in cura per lasciarsi la dipendenza alle spalle, hanno coinvolto oltre venti utenti che hanno sperimentato come rafforzare le proprie potenzialità e talenti, attraverso l’efficacia di servizi innovativi quali l’estetica sociale e l’apprendimento delle pratiche di Qigong.

A tutti verrà consegnato l’attestato di partecipazione, un riconoscimento e un simbolo tangibile di gratitudine per aver dedicato tempo, idee e passione alla salute della comunità come bene comune.
Il progetto nasce, su input dell’Assessore alle Politiche sociali del Comune di Città di Castello Bassini, per identificare nuovi modi per prevenire e rispondere ai sempre più preoccupanti fenomeni riguardanti le vecchie e nuove forme di dipendenza: le tossicodipendenze, le ludopatie, le nuove forme di addiction da tecnologie digitali. L’APS C’entro!, raccogliendo la sfida, ha realizzato, grazie al co-finanziamento della Regione Umbria, un progetto ove capillarmente gruppi diversi di cittadini, potessero fermarsi a riflettere sui problemi e sulle loro possibili soluzioni, ma soprattutto potessero identificare e segnalare le risorse del territorio su cui contare per poter promuovere la salute in senso ampio delle diverse comunità locali.
Come tutte le buone ricerche-intervento, il progetto si è trasformato facendo, seguendo ed ascoltando le indicazioni e le intuizioni dei partecipanti. Chi è portatore dei problemi e dei bisogni, detiene solitamente anche le chiavi delle soluzioni. Basta saper ascoltare. Gli ingredienti e le ricette raccolte negli innumerevoli incontri e restituite in modo rigoroso ma semplice e intuitivo, attraverso tecniche di analisi tra cui il data mining, evocano proprio il territorio e i suoi abitanti come risorse su cui investire attraverso la valorizzazione dei valori, dei luoghi, della cultura di solidarietà, che permane, sebbene incrinata nell’efficacia, dalla atavica ritrosia a collaborare e fare rete tra attori. La ricerca di socialità attiva e di riscoperta della bellezza di luoghi e persone e tutte le proposte di miglioramento identificate, nonché l’analisi dei bisogni e problemi dal punto di vista di studenti, pensionati, cittadini donne e uomini, saranno consegnate alle istituzioni e ai partner come patrimonio della conferenza di zona e dei tavoli istituzionali. Molte proposte e nuove idee da sviluppare sono emerse dal confronto del 13 giugno.

100 e più volte grazie a tutti e tutte! Fa bene al cuore sapere che ci sono problemi ma anche così tante risorse.

1 otto Comuni della Zona sociale, la USL con il Distretto e il SerT, lo SPI CGIL, le Farmacie Tifernati, l’IIS Cavallotti, la Croce Rossa Italiana di Città di Castello, la Onlus CSA Arezzo

Annunci

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Vai alla barra degli strumenti