Dopo oltre 60 anni sará restaurato il “martirio di san Sebastiano” di Luca Signorelli conservato nella pinacoteca comunale

La Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio dell’Umbria ha autorizzato l’intervento di restauro del “Martirio di San Sebastiano” di Luca Signorelli, il dipinto a o-lio realizzato su tavola centinata che è conservato nella Pinacoteca comunale a Palaz-zo Vitelli alla Cannoniera. L’opera sarà sottoposta a trattamenti di risanamento della tavola lignea e di manutenzione della pellicola pittorica da parte di professionisti qualifi-cati, che hanno già provveduto all’allestimento del cantiere per l’effettuazione dei lavori concordati con la Soprintendenza. A finanziare il restauro saranno i Museo Capitolini di Roma, nell’ambito di un accordo con il Comune di Città di Castello i cui contenuti sa-ranno resi noti nella seduta della terza commissione consiliare permanente “Servizi e Partecipazioni”, che è stata convocata per domani, mercoledì 12 giugno, alle ore 17.00 nella residenza municipale di piazza Gabriotti, alla presenza degli esperti incaricati dell’intervento. Nella riunione il vice sindaco e assessore alla Cultura Michele Betta-relli aggiornerà i componenti dell’organismo anche sullo stato di avanzamento delle i-niziative per il cinquecentenario della morte di Raffaello Sanzio, la cui produzione pitto-rica si ritiene ispirata nella prima fase proprio da opere di Luca Signorelli come il “Marti-rio di San Sebastiano”. “A distanza di oltre 60 anni dall’ultimo restauro – sottolinea Bet-tarelli – siamo in grado di procedere a un intervento molto importante, che ci permetterà di riportare allo splendore originario l’opera di Luca Signorelli e creare nuove opportuni-tà di valorizzazione di uno dei tesori conservati nella Pinacoteca comunale”. Realizzato per l’altare della famiglia Brozzi (poi Bourbon del Monte) nella chiesa di San Domenico a Città di Castello nel 1498, il “Martirio di San Sebastiano” è stato sottoposto a un re-stauro paragonabile a quello attuale nel 1953, quando venne trasferito a Cortona e a Firenze per una mostra su Luca Signorelli.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: